La Merda Nel Cuore


Più passa il tempo, più mi rendo conto che le femmine non capiscono un cazzo di cinema. Sul serio. L’altro giorno trovo una per strada che conosco e andiamo a berci lo spritz in piazza, blablablabla qua, blablablabla là. A un certo punto mi fa “Ah, devi assolutamente guardare La Musica Nel Cuore! È bellobellobellobellobellobello!”

Io, memore di quella volta che, sempre dietro consiglio di una collega figa, avevo guardato “Notte Prima Degli Esami” e mi ero incazzato talmente tanto che volevo spaccare il televisore, ho risposto “Ok, me lo ricordo e la prossima volta che vado da Blockbuster, lo affitto.”, in realtà pensavo “HAHAHAHAHA, il gran cazzo! Prima devo guardare Anal Fucking Piss And Sperm perché mi hanno detto che la trama è convincente e parla di amore vero!”

Sono andato da Blockbuster e ho affittato La Musica Nel Cuore. Appena uscito, ho guardato la confezione blu del dvd e ho sussurrato “Ah diocan… è successo di nuovo… basta ragionare col cazzo…” Giunto a casa, ho cominciato a visionare questo capolavoro della cinematografia contemporanea perché ormai la frittata era fatta e non si poteva tornare indietro.

LA TRAMA DE “LA MERDA NEL CUORE”

Allora no? C’è un moccioso che è stato cagato da una con il cognome polacco che suona il violoncello ingravidata da un irlandese che suona rock durante una notte che si fermano assieme a dormire sul tetto di un condominio a New York. Lui, con la stessa espressione di una cagata di piccione spiaccicata sul parabrezza il 12 di Agosto, le dice “Da piccolo parlavo con la Luna!”; e lei, di rimando, gli chiede “E lei ti rispondeva?”, limonano e si amano ma il padre di lei è contro e i due non si possono più amare per dieci anni. Il moccioso cagato fuori pare che debba morire appena nato ma non muore e finisce in orfanotrofio (per ragioni che non ho capito) dove tutti i suoi coetanei lo prendono per il culo e lo bullano come dei supergalli del Muretto di Jesolo (VE) perché lui dice che sente la musica e i suoi genitori che lo chiamano. Poi scappa e va a New York dove incontra un moccioso negro che canta e suona la chitarra e lo segue fino a un teatro abbandonato dove c’è uno che sfrutta i mocciosi di talento per raccogliere elemosina all’angolo delle strade. Il moccioso si ferma con gli zingari del teatro, la notte stessa prende una chitarra da terra e si mette a suonare come Kaki King e Orianthi messe assieme. Lo sfruttatore si sveglia con un’espressione in faccia che dice “DIO CAN!” ma poi ascolta e gli fa “Tu hai talento, ragazzo!” e comincia a sfruttarlo. Poi arriva la polizia e il moccioso scappa, arriva in una chiesa di negri dove ci sono i negri (appunto) che cantano il gospel, lui suona l’organo e il prete negro lo porta alla Juilliard School dove il moccioso, in un giorno, scrive una sinfonia e i maestri vogliono che la suoni al parco figo di New York che non mi ricordo come si chiama, bon… quello. Però arriva lo sfruttatore e si porta via il moccioso sul più bello per tornare a sfruttarlo. Il moccioso scappa, i suoi genitori si ritrovano e alla fine vivono tutti felici e contenti.

Giudizio critico: Dio cane, una merda piena di merda ricoperta di merda aromatizzata alla merda spruzzata di merda.

In compenso ho letto su “CHI” che Luciano Merdabue ha deciso di spendere duecentomila euro per comprarsi l’equivalente di undici campi da calcio di foresta Amazzonica perché ha scoperto che andare in tour inquina un casino e, siccome si sente in colpa, si è comprato tutti questi cazzo di alberi che non vuole che vengano abbattuti dalle multinazionali globalizzate per contribuire alla lotta contro l’effetto serra e la CO2 (e giuro che non mi sto inventando un cazzo!).

Questa notizia mi ha commosso ancora più della tenera vicenda di un moccioso bianco e talentuoso ma orfano in quanto cagato da musicisti travagliati e quindi educato musicalmente da negri e zingari in America. Il mondo non è poi così male, dai.

Concludo questo mio post del tutto fine a se stesso con qualcosa di bello: Mara Carfagna.

http://www.youtube.com/v/EjFCb5-wHjs&hl=en&fs=1

Annunci

29 responses to this post.

  1. Posted by laprof on luglio 8, 2008 at 15:23

    “Sono andato da Blockbuster e ho affittato La Musica Nel Cuore”: chi � piu’ scemo tu o la tipa?

    Rispondi

  2. Io, ovviamente.

    Rispondi

  3. La Musica Nel Cuore è chiaramente il titolo di un film da donne, quindi fa cagare e lo si capiva in anticipo. Non ti ha mica detto: “Santo cielo, devi assolutamente vedere Lo Chiamavano Campo Santo Gli Fumavano Le Colt, è bellissimo!”. Ti ha detto La Musica Nel Cuore, cribbio!

    Rispondi

  4. Non ce l’hai raccontato ieri sera… La birra fa dimenticare… (anche gli accordi di Till the end a quanto pare)

    Rispondi

  5. E che mi dici della rincorsa per la ricerca del tempo giusto? Ieri sera non vedevo “bianco-nero-bianco-nero-bianco-bianco-nero-bianco-nero-bianco-nero-bianco-bianco” ma sfumature grigio.

    Rispondi

  6. grande Leo! sei meglio del Mereghetti. mi piacerebbe leggere una tua recensione su questo capolavoro di Eva Henger (su emule lo scarichi in 10 minuti). un assaggio: http://snipurl.com/2veh8 [www_metello_com] grazie ciao e W MARA

    Rispondi

  7. Ah… i grandi classici.

    Rispondi

  8. …uè, ma il mio commento te lo sei perso??! Vabbe’ vah, si rimedia andando sul mio blog e leggendo il post che mi hai ispirato.P.S. Eva “leggenda” Henger!

    Rispondi

  9. Mi sono perso anche un commento dell’idiota-ignorante per un errore mio. Però non ho avuto notifiche da blogger precedenti a quella attraverso cui ho approvato il tuo ultimo commento. Boh. Ora volo a dare un’occhiata al di te bloggo.

    Rispondi

  10. Posted by spoonguard on luglio 9, 2008 at 16:38

    Mr. Spears, tu non ce la racconti giusta. Una figa ti consoglia un film, sai già che farà cagare, e lo guardi per davvero? A che cazzo serve wikipedia se non a fornire le trame in breve dei film di merda, così chiunque può dire alla figa di turno “ah, figata il film che mi hai consigliato, bella soprattutto la parte in cui [omissis]. ok, adesso si scopa?” Di solito alla fine non si scopa, ma conviene sempre tentare, no?Bon insomma, quello che volevo dire è che faccio fatica a credere che chi ha contribuito alla creazione di “Michele malato d’amore & di cancro” accetti di sorbirsi merdate simili per così futili motivi.Siccome temo si tratti del sintomo di un malessere strisciante e profondamente radicato, ti suggerisco un capolavoro della cinematografia moderna. Che tu ci creda o no, non si tratta di un porno ma di un film con Jason Statham, ovvero l’uomo che salverà il cinema d’azione.Il film è “Crank”, la qualità è oro.Se l’hai già visto, diocan.

    Rispondi

  11. Posted by laprof on luglio 9, 2008 at 22:52

    Spoonguard ha detto da uomo quello che volevo dire io…ma essendo donna….Vaffanculo….sprizzi maschilismo da tutti i pori…. e io mi adeguo.Cioè, non mi adeguerò più. Cazzo. Quello volevo dire.

    Rispondi

  12. Posted by Anonymous on luglio 10, 2008 at 01:03

    I Pink Floyd di The Wall usati come sottofondo alle immagini del calendario della Carfagna. Dio è morto.

    Rispondi

  13. Non ci trovo nulla di scandaloso. Musica dei Pink Floyd e Mara Carfagna, another even perfect union: piacere per l’udito e la vista nello stesso tempo.

    Rispondi

  14. attenzione Leo! Mara la sta facendo grossa: http://snipurl.com/2w0kg [www_corriere_it]

    Rispondi

  15. Posted by laprof on luglio 10, 2008 at 23:09

    ….il problema era “farlo grosso”…una donna un mito.

    Rispondi

  16. Posted by Anonymous on luglio 11, 2008 at 03:12

    Se Berluschioni è riuscito a farsi fare un pompino ed a venire in faccia a Maraia Carfogna allora lo voto!Cazzo , se lo merita! Però la Carfogna deve dimettersi perchè ormai è puttana davanti agli occhi di sua madre che , poverina , non le ha fatto mai mancare niente e l’ha fatta anche studiare musica e diritto .

    Rispondi

  17. ma che cazzo di donne conosci?ma che ghesboro, una normale che non guarda film di merda e ascolta musica di merda no?

    Rispondi

  18. Posted by laprof on luglio 12, 2008 at 22:54

    UUUhhh mamma ,Angie tocca farglielo capire… conosco un metodo efficace: un incontro-scontro con donne vere. Tipo io e te insieme.

    Rispondi

  19. Sentitevi libere di fare una lista di film fighi. Io provvederò a visionarli e farvi sapere – in modo ragionato, s’intende – cosa ne penso.

    Rispondi

  20. Io non sono una donna, però devi darmi un’opinione su L’IMPLACABILE (titolo inglese The Running Man http://www.imdb.com/title/tt0093894/ ).

    Rispondi

  21. Ho visto il film dopo aver letto il libro di Bachman/King. Il film è una merda.A proposito di libri: è da un anno che devi restituirmi “The Ultimate Hitchhiker’s Guide” di Adams. Dio porco, tu sei una delle ragioni per cui non presterò più libri a nessuno.

    Rispondi

  22. Oh, sono io.Cinque mesi fa vidi gli episodi della BBC della Guida galttica per gli autostoppisti e volevo dirti che te sei uguale all’attore che fa Ford, però te sei meglio.Fisicamente dico.Ciao

    Rispondi

  23. Posted by Anonymous on luglio 14, 2008 at 14:17

    Ho avuto un uomo una volta, un architetto che avava una passione assurda per i film strappalacrime, melesi, disgustodi. Pomodori verdi fritti… checcazzo era, boh. Era molto carino e pur di farmelo io son stata zitta e ho anche sorriso e ho pianto nei momenti giusti e tutto il resto.Alla fine son riucita a portarmelo a letto e ad un certo punto questo mi si gira bocconi, mi guarda di lato e mi fa “Ti va di scoparmi con le dita?” e io “EEEEHHHH?” e lui “Si, dietro, scopami con le dite e sculacciami, pestami duro se mi lamento”Dovevo aspettarmelo.— Nadja Jacur

    Rispondi

  24. Allora, premetto che il tuo fottuto libro ti ho detto un mese fa che lo stavo rileggendo. Adesso che mi mancano si e no 40 pagine su 1000 e siccome lo leggo quando torno dai concerti all’una e mezza di notte 5-6 pagine a volta che poi crollo ti aspetti un’altra settimana, grazie. Secondo: Arnold è il dio del trash, non puoi smerdarmi un film così grottescamente anni 80 come L’IMPLACABILE.Terzo: Nadja sei stata fortunata, poteva andare peggio, poteva chiederti se gli facevi un clistere. Puo’ sempre peggiorare.

    Rispondi

  25. ROFTL, rilassati. L’importante è che me lo rendi quando finisci di rileggerlo.Ah: a me ha fatto cagare invertebrati anche “Shining” perché avevo letto prima il libro e le gemelline smembrate in albergo non c’entravano un cazzo di niente.

    Rispondi

  26. Sono rilassato, è solo che non ho scritto neanche una bestemmia e dovevo sfogarmi in qualche altro modo…

    Rispondi

  27. io volevo sapere se andrai a vedere “Denti” al cinema il 22 agosto prossimo.

    Rispondi

  28. Non so nemmeno cosa merdacazzo è “Denti”.

    Rispondi

  29. Denti è la versione cinematografica di “Osteria Numero 20”

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: