Sulla sensybylytà gynecea


Sono, per puro caso, capitato sul blog dell’amore della mia vita. Il blog dell’amore della mia vita è scritto in inglese anche se l’amore della mia vita è italiana. Sul blog dell’amore della mia vita non ho potuto fare a meno di soffermarmi su un contributo ad opera, appunto, dell’amore della mia vita che, una volta tradotto dall’inglese all’italiano, fa più o meno così. Anzi, fa proprio così, dio cane; mica mi invento le stronzate per far piacere a San Giuseppe Cinogamo, io. Ecco a voi l’amore della mia vita che si monda:

Avevo letto alcuni brani dell’altro celebre libro di Barbara Ehrenreich, “Nickel And Dimed”; si tratta di uno sguardo, spesso velato da amaro umorismo, sulla miseria e indegnità degli stipendi bassi che mi ha fatto conoscere l’idea della trappola della povertà.

Quest’altro, “Bait And Switch”, è amaro in un modo diverso. “Gli Americani della classe media come me e i miei colleghi alla ricerca di lavoro, sono cresciuti con l’aspettativa tipicamente protestante che il duro lavoro verrà premiato con comodità e sicurezza materiali. Ma tutto ciò non è mai stato vero per la classe operaia che, per la maggior parte, lavora duramente per stipendi non adatti al livello di fatica richiesto dalla loro professione.”

Non riesco a smettere di pensarci. Ogni volta che passo vicino agli uffici di banchieri, con i loro blackberry, i loro vestiti costosi e i loro schermi di computer che mostrano il lusso di una connessione a internet, mi rendo conto di quanto scandalosamente ben remunerata sia la mia faticosa professione. Ci sono persone che raschiano carbone da una parete rocciosa che sono pagate un sacco meno di me.

E mi rendo anche conto, sempre più dopo aver letto questo libro, di quanto sia improbabile che io abbia ancora l’opportunità di avere il lusso di svolgere una professione che amo.

Mentre camminavo per andare a casa, pensavo ancora una volta al mio corpo che si gonfia. Nonostante tutti i miei sforzi e nonostante mi nutra esclusivamente di yogurt e caffè, continuo regolarmente a ingrassare. Che poi non è del tutto inaspettato dato che, per otto ore al giorno, difficilmente mi alzo dalla sedia e, quando lo faccio, è solo per sedermi di nuovo sulla metropolitana e poi buttarmi a letto quando arrivo a casa. La mia silouette che rapidamente cambia mi sembra una violenza che la mia professione sta facendo al mio corpo e, anche se ci penso in continuazione, non riesco a trovare un modo per fermarla.

So che dovrei accettarmi per quello che sono, ma sto diventando sempre più incapace di farlo. Non riesco a trovare vestiti che mi vadano bene nei negozi che solitamente frequento e guardo altre donne più giovani, carine e magre di me con incredibile sconforto. Una volta ero attraente (HAHAHAHAHA!, ndt) e ricavavo un piacere probabilmente molto peccaminoso nel comprare e indossare vestiti; mi rimiravo nelle vetrine dei negozi mentre camminavo. Adesso evito di farlo perché quello che vedo è un’immagine distorta di me. Anche la mia faccia allo specchio sta diventando quella di una sconosciuta.

Be’, almeno c’è la prospettiva piacevole di inizare l’altro libro che ho comprato, “Rape” (STUPRO! CAZZO! STUPRO!, ndt) di Joanna Bourke. Non può essere peggiore di questo.

Che dire? La Viendalmare mi ha preso il cuore. Che donna sensibile e intellligente! Lei e la sua professione profumatamente pagata… già… chissà quanto porcoiddio guadagna un minatore nel Regno Unito?

Oh vaffanculo, adesso vado a spararmi una grassa sega su petiteteenager.com.

Annunci

30 responses to this post.

  1. Posted by laprofchesefacessesololaprofdovrebbefarpompinialdirettoredellabanca on luglio 16, 2008 at 23:19

    Eh va bene si, mo però hai rotto le palle! Esistono donne che lavorano, guadagnano bene, cucinano, rassettano, stirano, fanno pompini qualità oro e non ascoltano Elisa.E che coglioni!Io sono già sposata, quindi….buona fortuna.

    Rispondi

  2. Tutto ok. Ho solo qualcosa da ridire circa la frase “che se facesse solo la prof dovrebbe far pompini, etc.”. Io, come sai, svolgo la tua stessa attività e, in tutta franchezza, non mi lamento nemmeno un po’ del trattamento economico. La mia ultima busta paga mostra la cifra di euro 1453 e qualche centesimo. Per portare a casa tale somma, quest’anno scolastico ho insegnato in quattro classi (per un totale complessivo di sette programmazioni) per 18 (DICIOTTO) ore settimanali, senza contare che sono in ferie dal 28 di Giugno quando ho terminato di interrogare le sbarbe della mia quinta (tutte promosse con 81.50 di media) e che, fino ai primi giorni di settembre, non alzo un dito. Ora, se si considera che in passato lavoravo in azienda per circa cinquanta ore settimanali (straordinari “obbligatori” compresi) e la bustapaga era di grossomodo 1500 euro al mese, direi che non c’è proprio un cazzo da lamentarsi degli stipendi degli insegnanti italiani. Ergo: suggerisco a te, come ho già suggerito ad altri colleghi, di darci un taglio con i piagnistei perché davvero non c’è ragione di frignare. Poi, d’accordo, ci sono i collegi “dementi”, i consigli di classe, i dipartimenti, la correzione dei compiti e tutto il resto ma, mettendo tutto in conto, nei periodi di “piena” come Dicembre, Gennaio e Maggio, si arriva sì e no a ventidue ore settimanali (compreso il tempo speso per lavorare a casa). Quindi, ancora una volta, non c’è un cazzo da lamentarsi. Un’ultima cosa: “sì” si scrive con l’accento, cazzo.

    Rispondi

  3. E come al solito non posso che essere d’accordo con l’autore… E se c’è un problema, è che le donne che lavorano, guadagnano bene, cucinano, rassettano, stirano, fanno pompini qualità oro e non ascoltano Elisa sono tutte sposate! (questo potrebbe non essere un problema per qualcuno)

    Rispondi

  4. Posted by laprof on luglio 17, 2008 at 08:03

    Ma chi si è lamentato? io?No cazzo, no eh!. Dicevo altro…..non si è capito?Comunque, per risponderti, con la mia materia se si raggiungono le nove ore è grasso che cola quindi sono in tutt’altra situazione: 640 euro netti in busta.Ma non è un problema, è il mio terzo, quarto lavoro.Quelli a cattedra piena e magari di ruolo che si lamentano mi provocano un misto si sensazioni che oscilla tra la tenerezza e l’istinto omicida. E ai consigli di classe mi faccio grasse risate: deliri di frustrazione allo stato puro. Vedi? Non hai capito una mazza. Piuttosto, ‘sti film li hai trovati o no?

    Rispondi

  5. la donna sta al lavoro fuori casa come Cicciolina alla verginità anale. la donna – soprattutto italiana – DEVE dedicare la sua vita alla cucina, al ferro da stiro e ai pompini.

    Rispondi

  6. No: sei tu che scegli nick “naif”, ti spieghi male e lasci pochi spazi a interpretazioni.Per il resto, temo che tu non abbia afferrato lo spirito del post al quale ti sei attaccata con sì tale trasporto. Ma non è un tuo problema dato che non conosci la Viendalmare né le modalità attraverso cui scolpisce il suo monumento. Nella fattispecie: oltre a scrivere in Inglese per far vedere che lo sa (“male”, aggiungo io) e a cogliere al volo ogni occasione per far sapere a tutti che vive e lavora a Londra… oltre a ciò, dicevo, parlando della condizione economica dei giovani americani in cerca di lavoro, della classe operaia e dei libri che le piacciono, infila dentro la sua professione profumatamente remunerata (un sacco più di un minatore, hey!), poi sussurra “Oh, che fortunata che sono!” ma in realtà vuole dire “Sono strafiga, ammiratemi e commentate esaltandomi, merde.”È da anni – da circa il 2002 – che le sto sul collo e la prendo per il culo. Lei mi odia. Io rido.Ah, qualora non fosse chiaro: un atteggiamento del genere non merita pietà da parte mia, anche se la Viendalmare fosse un uomo.Per il resto – e non dovrei dirlo dato che mi rovino il divertimento – tutti gli attacchi alle “femmine” sono lì solo per prendere per il culo quelle che abboccano.Tipo: hai presente quelle che, all’inizio del XX secolo, si buttavano sotto i cavalli in corsa a Derby in Inghilterra per avere il diritto di voto? Le suffragette. Brutte stronze… buttarsi sotto i cavalli e rovinare l’unico divertimento della Domenica agli uomini che lavoravano e le mantenevano. Puttane.Ok, arriva una, legge, s’incazza e commenta con la bava alla bocca. Io rispondo. Tutti gli altri ridono. Rido anche io, naturalmente.Bon.Sto.. ahem… “procurandomi” i seguenti film che non ho ancora visto per ragioni che non conosco: quello degli sbroccati a Las Vegas che mi hai consigliato, L.A. Confidential, Zodiac e The Prestige.

    Rispondi

  7. Lillino possiede la verità. Assiomatico.

    Rispondi

  8. Posted by laprof on luglio 17, 2008 at 09:25

    Lillino, ti dirò, non mi sento un cazzo suffragetta. Ragion per cui se mi mandi un estratto conto che si possa chiamare tale divorzio e mi sposo con te. Cucino, lavo, stiro e faccio pompini tutto il giorno. Giuro.

    Rispondi

  9. x la prof: sei aperta dietro?

    Rispondi

  10. Posted by laprof on luglio 17, 2008 at 10:03

    Che cazzo di domande sono?…..ovvio che “sì”. Se guadagni abbastanza, chiaro.

    Rispondi

  11. x la prof: dimostralo.x leo: the prestige e zodiac fanno sborrare.

    Rispondi

  12. Posted by laprof on luglio 17, 2008 at 10:24

    Dare moneta vedere cammello! hihihih…..Ovviamnete lettera di dimissioni già pronta in caso si faccia l’affare……ma adesso fatemi lavorare, cialtroni!

    Rispondi

  13. Si sta entrando in un circolo ridondante-vizioso.

    Rispondi

  14. Posted by Anonymous on luglio 17, 2008 at 11:37

    x leo: the prestige e zodiac fanno sborrare.In che senso? Io di solito sborro quando sono pienamente entusiasta.A me the prestige ha provocato sbadigli, mentre i due zodiac (si, perchè sono due, puttanadio) mi hanno fatto sbadigliare cagando (o cagare sbadigliando , non mi ricordo). saluti.Coroner

    Rispondi

  15. x anonimo: ho come l’impressione che tu di Cinema non capisca un cazzo (sborrante).

    Rispondi

  16. Ho intenzione di guardare “the prestige” perché mi hanno detto che, a un certo punto, c’è una scena dove si vede come fanno i trucchi. “Zodiac” invece perché conosco la storia del serial killer che mandava lettere alla polizia e la versione cinematografica potrebbe essere interessante. Se poi entrambe le pellicole si rivelassero essere mucchi di merda stratificata ricoperta di merda altrettanto stratificata come “Il Labirinto Del Fauno” (madonna biscia, che merda totale), be’ spaccherò i dvd e lancerò i pezzi fuori dalla finestra urlando “dio verme a sonagli”.

    Rispondi

  17. potresti sempre chiedere una recensione al Davide 4 virgole: lui sì che di cinema ne capisce. e poi scommetto che sarebbe ultra felice di aiutarti….

    Rispondi

  18. The Prestige l’ho visto al cinema e gli darei un 6 stiracchiato stiracchiato. Ben fatto, bella confezione, ma poi si sgonfia 2 minuti dopo averlo visto.L.A. Confidential è bellissimo.Zodiac mi manca.Prof. … guadagno circa 850/900 al mese … ho qualche speranza?

    Rispondi

  19. non fatemi incazzare. Zodiac su IMDB (se non conoscete il sito dovete crepare immediatamente tra mille sofferenze) assegna un voto pari a 7.9/10 con oltre 60mila votanti. The Prestige addirittura 8.4 ed è all’88esimo posta tra i migliori 250 film di sempre. ecchecazzo.

    Rispondi

  20. @lillino: su IMDB “Beach Babes From Beyond” ha un rating di 3.5 su 10, quindi “The Prestige” a casa mia può anche non essere un granché, poi son gusti.@laprof: puoi anche non stirare …

    Rispondi

  21. Posted by laprof on luglio 17, 2008 at 13:58

    Admiral basta se “nò” qui, giustamente, si incazzano (e poi comunque non bastavano, chiaramente).Però è uno spasso questa sublime, maschia cialtroneria. Siete meravigliosi. Mi fate fare pause sigaretta da paura, a domandarmi se ci siete o ci fate. Grazie.

    Rispondi

  22. E’ il mondo internet. Qui tutti gli ingressi posteriori sono potenzialmente aperti/apribili. Io come al solito aspetto la gloriosa ADSL di Leonard Spears per vedere di che cazzo di film si sta parlando.

    Rispondi

  23. Leo volevo farti sapere che Miley Cyrus ha perso la verginità a 14 anni. l’ho letto nel secondo blog più bello del mondo dopo il tuo: http://thegutterpost.blogspot.com/@la prof: penso di essermi innamorato di te. quando scopiamo?

    Rispondi

  24. Quando vi congiungete carnalmente, filmate tutto col nokia così poi diventate celebri su ogrish.

    Rispondi

  25. Posted by Anonymous on luglio 17, 2008 at 20:16

    Io guadagno 2000 euro al mese. Lavoro 12 ore al giorno, non ho alcun vizio.Una parte dei soldi della busta paga li uso per comprare Bot(20%) , il resto vanno a Boselli e Bobo Craxi perchè come politici sono sani.A Stefania (anche se è Craxi ) non mando niente perchè mette il rossetto come le prostitute.

    Rispondi

  26. Posted by laprof on luglio 18, 2008 at 09:08

    Anonimo, un consiglio, datti al vizio senti a me.

    Rispondi

  27. Hehehehehe, prof, stai parlando con Baratro altro che “anonimo”.

    Rispondi

  28. Posted by Anonymous on luglio 18, 2008 at 10:34

    *Questa* *e’* *la viendalmare*?E’ una stronza di domanda, la mia.E’ sul serio quella mongolfira di spocchia gassosa che scrive popo’ di cose? Non ci credo!Cioe’, sta addirittura ingrassando! Ma porca miseria, diventera’ come lizt taylor ma un po’ sovrappeso. Eccheccazzo, povera figlia. Si rimirava sulle vetrine! E pensa te alla reazione di quelli dentro!Bisogna assolutamente sapere se lo faceva solo ocn negozi di vestiti o anche in quelle dei ristoranti e soprattutto ad ora di pranzo.Stupefacente che qualcuno la paghi… ma per fare cosa? Da indagare.PS: Stara’ ingrassando anche il gatto?— Nadja Jacur

    Rispondi

  29. Quel gatto mi fa pena. È ancora vivo.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: