Be’… cosa mi sono perso…

http://www.youtube.com/v/-KxcSL3TcuU&hl=en&fs=1&rel=0&color1=0x5d1719&color2=0xcd311b

Ero troppo giovane, anzi “giovine” a quel tempo.

Ogni tanto mi collego a youtube e controllo quello che l’ortodossia metalz mi ha fatto perdere nel corso degli anni.

Frank Zappa, ad esempio. La canzone del video si intitola “Tinseltown Rebellion” ed è estratta dall’omonimo album del 1981.

E, oltre a essere una performance di musicianship suprema e imperiale da 110 & lode con bacio accademico, fa scassare dal ridere.

Parla dei gruppi di Los Angeles che volevano essere fighi ma non sapevano come fare e, naturalmente, non ci riuscivano; oppure di quei musicisti/cantanti che diventavano famosi per un paio di settimane e poi tutti se ne dimenticano perché era giusto che andasse così. E di quelli che sapevano esattamente ciò che facevano ma, in ogni caso, erano finti e meritavano di scomparire esattamente come quelli che non avevano la più pallida idea circa la direzione musicale da seguire. Be’, quando avrei potuto anche fare in tempo ad appassionarmi di Frank Zappa, ero un fan sfegatato di Ratt, Poison, Dokken (oddio, no!) e di tutti gli altri ribelli che gravitavano attorno a Tinseltown e allo Strip. Non mi piacevano più nemmeno gli Iron Maiden perché mi avevano rotto la coglia per ragioni che non ricordo… anzi me le ricordo, è solo che mi vergogno: gli Iron non erano “Hollywood” a sufficienza. Compravo certe immondizie inascoltabili tipo i dischi dei Brighton Rock, dei Tangier, dei Baton Rouge; arrivavo a casa con questi mucchi di merda suonati & cantati da gente con i capelli accuratissimamente spettinati il cui cantante aveva l’aspetto giusto per piacere alle sbarbe alla ricerca di un nuovo Jon Bon Jovi.

Mettevo sul piatto la mia merda appena acquistata per quindimilalire, ascoltavo un paio di canzoni e, fanculo, dopo un po’ li toglievo facendo finta di essermeli fatti piacere e li ficcavo a impolverarsi tra i vinili di “Back For Attack” e “Black Hearts & Jaded Spades”; poi sparavo a mille “Shout At The Devil” e le cose parevano rimettersi a girare per il verso giusto. In poche parole, dentro di me, sapevo che c’era qualcosa che non andava ma facevo finta di niente… beata gioventù sconsiderata ottantesca.

Hey, li ho ancora tutti quei dischi… ho anche provato a ficcarli in asta su ebay a cinquanta centesimi a tocco. La speranza che qualche idiota nostalgico collezionista che non capisce un cazzo se li comprasse non moriva mai. Ma, alla fine, non c’è mai stato niente da fare. E io ho ancora i primi due vinili dei Silent Rage (a proposito: la Frontiers – e chi altri? – ha pubblicato un altro full lenght dei Silent Rage dopo diciannove anni, un CD che in realtà è un demo; ma adesso non fregano più nessuno… sono calvi, hanno la panza e il loro fare schifo alla merda è ancora più lapalissiano di una volta dato che la produzione fa cagare crisalidi come le loro canzoni)… magari a qualcuno interessano, li vendo, ok? Se mi pagate un paio di birre da mezzo è roba vostra, andata? In ogni caso mi sono perso Frank Zappa e sto cercando di recuperare adesso, in ritardo. Alcune cose ancora non riesco ad ascoltarle (“Hot Rats” e tutti i dischi con i Mothers Of Invention, per esempio), però “Baby Snakes” e “Tinseltown Rebellion” – appunto – spaccano svariati culi. E lo fanno in modo assiomatico. Cristo santissimo… che effetto mi avrebbe fatto vedere Zappa che presentava Terry Bozzio prima che iniziasse a cantare (e suonare) “Punky’s Whips“?

E poi… poi sono arrivati i Dream Theater. Ok, vado a inginocchiarmi sui ceci, gente. Ah sì: questa…


…è la più strafica copertina di tutti i tempi. Si vede Orsacchiotto che impicca un teenager emo vestito da gothic lolita con una cintura borchiata subito dopo aver fatto altrettanto con il suo amante gay.

Nell’immagine non si vede, ma a destra ci sono dei vecchietti con un cappello da cowboy in testa che applaudono.

Annunci

18 responses to this post.

  1. Posted by laprof on settembre 1, 2008 at 20:26

    Diciamo che eri meglio quando eri peggio. Ti ha sgamato qualche sbarbo per caso??Comunque due pinte te le offro io. Non me ne fotte del vinile. Solo per tirarti su il morale.Beneficienza.Ciao Leo.

    Rispondi

  2. Premesso che i dischi “hollywood” hanno il loro perché. Premesso che i Tangier, soprattutto quelli di “Stranded”, spaccano. Premesso che se metti i tuoi vinili su ebay a 50 cent l’idiota nostalgico collezionista l’hai trovato. Premesso che i Fueled By Fire hanno la copertina più bella del disco con le canzoni. Premesso che “Shout At The Devil è SHOUT AT THE DEVIL, CAZZO! Ecco premesso tutto questo, coi Dream Theater proprio non ci siamo, no no ….

    Rispondi

  3. Forse non mi sono spiegato bene: penso che i Dream Theater (da SFAM in poi soprattutto) facciano schifo alla merda e meritino di essere crocefissi in Vaticano con il papa che ride di loro. Se poi c’è spazio per una croce di Sant’Andrea rovesciata anche per Lars Ulrich, be’ tanto meglio.Per il resto: de gustibus. Però, dai… Don Dokken è lammerda, canta come se avesse un palo in culo e adesso ha anche perso la voce, quindi l’effetto è palo in culo di persona affaticata con doppio mento.

    Rispondi

  4. Sui Dream Theater concordo, l’unico disco che riesco ancora ad ascoltare di tanto in tanto è “Falling Into Infinity”, poi mi devo mettere alla ricerca dei coglioni …. dove mi saranno caduti? In bagno? Sotto al divano? In giardino tra le ortensie? Bah!Su Din Don Dokken magari hai pure ragione, ma la cosa non mi disturba, l’ultimo Dokken è reciclo ottantiano che mi aggrada assai. Sarà che sono ghei, sempre meglio che la sbobba theateriana.

    Rispondi

  5. Dokken e’ lammmerda, concordo. Se vuoi consigli Zappografici, sono a tua disposizione. Ti consiglio intanto questi: “Overnite Sensation”, “Apostrophe”, “Sheik Yerbuti”. Ti piaceranno (o ti trasferirai a Monteculo).

    Rispondi

  6. @ Ammiraglio: ho smulato l’ultimo Dokken. La band che ha alle spalle non è niente malaccio. Il problema è che lui *davvero* non riesce più a cantare e i testi che scrive fanno venire l’orchite perché sono un ricettacolo di luoghi comuni e cazzate da quattro soldi che avrebbero fatto venire l’orchite anche vent’anni fa. Non lo reggo più. E pensare che ho ricomprato “Tooth and Nail”, “Under Lock and key”, “Back For Attack” & “Beast From The East” in CD nel corso degli anni ’90. Io dico che è ora che si goda la pensione a Sun City (AZ).@ Niccolò: Ho messo in coda e ti farò sapere.

    Rispondi

  7. Cara prof,Allora no? Ieri e oggi abbiamo scrutinato. Sono state segate in tutto cinque sbarbe nelle mie classi. Ora il problema è che tre su cinque sono fighe. Molto molto fighe. Tipo che fanno bestemmiare a denti digrignanti. Una ha il miglior culo di tutto il nordest. Bon, ho fatto di tutto per impedire che ciò accadesse, il fatto è che il CDC è formato, per circa l’ottantacinque percento, da tardone cinquantenni inacidite che non si fanno mai scavare il culo da un cazzo in tiro, porco dio cane malefico con le corna. Così, quando è venuto il momento di valutare le prove di queste tre, l’invidia ha avuto il sopravvento e non c’è stato nulla da fare. Dio bi-boia.È andata più o meno così:Tardone sfatte che non si fanno scavare mai il culo: “Le prove di xyz sono tutte andate male e denotano scarso impegno da parte delle alunne nel corso dell’anno e durante l’estate; abbiamo anche dimostrato buona volontà nel dare una possibilità ma le ragazze non l’hanno saputa sfruttare. Proponiamo pertanto la non ammissione alla classe successiva. Qualcuno dissente?”Io: “Io dissento. Le alunne xyz secondo me non meritano questo, anche alla luce del modo in cui si rivolngono a me quando vado in classe. Aggiungo inoltre che l’alunna ics, poco prima delle vacanze di Natale, mi ha infilato la lingua nell’orecchio (e non mi sto inventando un cazzo). Quindi io dico di ammetterle alla classe seguente. Aggiungo anche dio cane rabbioso, se non vi dispiace.”Tardone sfatte che non si fanno scavare mai il culo: “Purtroppo non siamo d’accordo.”Io: “Andate in casino, porco dio!”Hanno segato tre fighe. Ma si può? Dai, dio feccia.

    Rispondi

  8. Volevo farti notare che Orsacchiotto assomiglia in modo imbarazzante a Richard Benson.Volevo inoltre dire che ti sto scrivendo usando Chrome, ovvero l’ennesimo browser uscito, marchiato google, strapieno di funzioni “innovative, il futuro inizia oggi” che dovrebbe spaccare il culo ad explorer ma tanto non se lo caghera’ nessuno, perche’ in fondo e’ una brutta copia di firefox e le funzioni innovative consistono nel poter usare la barra degli indirizzi sia per navigare che per far le ricerche.Vabbe’, spero ti siano arrivati gli mms.

    Rispondi

  9. Orsacchiotto è Richard Benson.Ho letto che Chrome ha anche la funzione “incognito” che permette di navigare anonimamente, è vero oppure sono tutte stronzate?Non ho ricevuto alcun mms. Dio orso polare.

    Rispondi

  10. X Leo: ma chi sono gli emo? le ragazze di questa razza almeno fanno pompini con l’ingoio?

    Rispondi

  11. Le ragazze emo si graffiano le braccia e basta.

    Rispondi

  12. Posted by laprof on settembre 4, 2008 at 22:46

    Leo, condivido. Cioè condivido che queste tardone non hanno più strumenti né motivazione, non fosse altro che quella dell’illusione di esistere solo perchè possono dire la loro in un CDC. Tristezza, sconforto, roba da prenderle per il bavero con gli occhi iniettati di sangue e dire loro: “Se tuo marito (se ce l’hai) non ti scopa sono cazzi tuoi, tu che se potessi saresti una mangiacazzi se solo a qualcuno non facessi schifo, stronza, frustrata, alla sua età eri merda da friggere”…e via dicendo.Roba per Orsacchiotto insomma.Solo che….un minimo cazzo! eddai, quando non c’è non c’è. E non è per una lingua nell’orecchio che si passa sopra al fancazzismo dei cerebrolesi ai quali dobbiamo insegnare.Io li boccerei tutti. Per principio. Nonostante, essendo io bòna e capendo il loro stato d’animo, volendo, ne potrei fare carne da macello (sessuale, ove valga la pena, e ce ne sarebbe).Vabbè. Checcazzo.Ciao Leo, buon lavoro.

    Rispondi

  13. Scusa laprof, io non scrivo mai perchè non sono capace, però ho letto che sei bòna e, siccome questa cosa mi interessa, volevo chiederti se puoi approfondire la cosa. Grazie.

    Rispondi

  14. Qua siamo tutti dei gran fighi. Io sono il doppio esatto di Brad Pitt e PDG somiglia a Tom Selleck da giovane, prima di Magnum P.I. senza baffi.

    Rispondi

  15. Posted by Anonymous on settembre 5, 2008 at 13:33

    Ma allora questo è un blog di elite.Quindi, visto che io faccio schifo al putridume della merda, presumo di non poter più parteciparvicidisi.

    Rispondi

  16. Posted by laprof on settembre 5, 2008 at 13:55

    Brad Pitt non mi muove mezzo ormone. E’ roba per gay. Uomini.Tom Selleck senza baffi è come il negroni senza Campari. E “con” mi fa cagare.Se c’hai un amico che somiglia a Robert Downey Junior se ne può cominciare a parlare.

    Rispondi

  17. Oh prof, Ho almeno ventiquattro amici che somigliano a Robert Downey Jr, solo che, da quello che so, a loro piacciono le squinzie tra i 18 e i 26 anni (massimo). Comunque gli faccio un fischio e ti so dire, ok? Hai visto mai…

    Rispondi

  18. Posted by laprof on settembre 6, 2008 at 00:21

    Ok. Fammi sapere. Ne ho 29 stronzo…..sarei fuori tempo ….se non avessi il culo che le diciottenni dementi sognano di avere!!

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: