Erano altri tempi

Post velocissimo senza immagini né niente.

Ho scaricato, attraverso un popolarissimo software per il file-sharing, la prima puntata de “Te La Do Io L’America” di Beppe Grillo.

Per coloro che non sanno di cosa sto parlando perché sono troppo giovani e/o, all’epoca, risiedevano all’estero, si tratta di uno show satirico scritto (anche) da Antonio Ricci, articolato in sei puntate e trasmesso su Rai 1 (all’epoca si chiamava “Rete 1”) nel 1981.

Ebbene: cosa potrebbe succedere se mandassero in onda le repliche oggi?

In pratica, nei primi venticinque minuti ho ascoltato/contato nove barzellette sui negri e altri ceppi razziali. La migliore? “Il negro è il migliore amico dell’uomo.”

Insomma, passano ventinove anni e cambia tutto. Pazzesco.

Comunque, nel caso non fosse chiaro, il politically correct è lammerdadelmondo.

Annunci

26 responses to this post.

  1. Posted by alcoholica92 on gennaio 10, 2010 at 12:39

    tutto sommato sembra avere buone intenzioni in questi ultimi anni… però è inutile nel caso suo… è come se un clown si metta a parlare di politica…

    Rispondi

  2. sarebbe meglio scrivere: le espulsioni fisiologiche del globo terracqueo (“mondo” troppe volte e’ stato associato a conquiste da parte di dittatori malvagi e scienziati pazzi.)

    Rispondi

  3. O anche “le non immacolate concezioni del terzo pianeta del Sistema Solare”.

    Rispondi

  4. Beh… in “Te lo do io il Brasile” il razzismo era ancora più marcato a quanto ricordo…

    Comunque, negli anni ’80, chi non si ricorda il famoso “Mongolino d’oro”… provate a riproporre una frase del genere adesso, verrete impalati all’istante!

    Cordialità

    Attila

    Rispondi

  5. Verissimo, Attila.

    PS = Sto scaricando anche “Te Lo Do Io Il Brasile”; quando l’hanno trasmesso avevo 13 anni e ho solo un vaghissimo ricordo.

    Rispondi

  6. @BCLD

    Bello. Fra l’altro, oggi sembra impossibile, ma c’e’ stato un tempo in cui Grillo faceva ammazzare dal ridere.

    Ciodetto, nella mia veste di spietato e acerrimo nemico del cuminismo e del politicamente corretto dei miei avgvsti,ti propongo una barzelletta britannica razzista narratami dal mio amico Stuart.

    Un bambino negro muore e si risveglia in Paradiso.

    Fra musiche e canti celestiali, si accorge che sulla schiena gli sono spuntate le ali.

    Tutto felice comincia a gridare: ” sono un angelo, sono diventato un angelo!”

    Dopodiche’ comincia a svolazzre sempre piu’ in alto per raggiungere Dio, metterlo al corrente della lieta novella, e ringraziarlo.

    Giunto al cospetto del Signore Onnipotente, il piccolo negro comincia a tirarlo per la biana tunica strillando: “Dio grazie, sono un angelo, sono un angelo, sono un angelo!”

    Dio si gira verso il piccolo, inarca un sopracciglio e risponde:

    “No, sei un cazzo di pipistrello. E ora togliti dai coglioni”

    Rispondi

  7. HAHAHAHAHAHAHAHAHAHA! Le barze sui negri mi fanno sempre schiantare dal ridere. Quella vecchissima dei sette negri in fila nel deserto con il primo che trova la lampada di Aladino me l’hanno raccontata quando era in prima media ma mi fa ancora sbudellare.

    Rispondi

  8. La foto di Ligabue mi ha fatto venire la gastrite.
    La barzelletta di Yossarian me l’ha fatta passare.

    Rispondi

  9. Al bar, servite anche negri?, ma certo signore, allora un campari per me e un negro per il mio coccodrillo.

    Rispondi

  10. @BCLD

    In lingua originale faceva:

    “Fuck off. You’re a bat”

    🙂

    Rispondi

  11. Yossarian, detto con accento cockney è anche meglio: “FOCOFF!”

    Rispondi

  12. @BCLD

    LOL, fantastico e’ cosi’: e che dire di “mate” pronunciato “mait”

    Bellissimo.

    Sai una cosa? Io ho abitato nell’East End (non essendo un fighetto) per due anni e mezzo, ma intendo quello vero: Whitechapel e per la precisione Shadwell, ovvero il Bronx del Bronx, e mi sa che dovrei raccontare qualcosa sull’East End invece di scrivere tante cazzate.

    Il pub dove andavo io era questo
    Hai presente il bar di guerre stellari?
    Peggio. Leggi la recensione.

    http://www.fancyapint.com/pubs/pub3540.php

    Un giorno ti dovro’ parlare di Jimmy: elegantissimo, supercockney, e ovviamente gangster di piccola tacca, tipo i ganster dell’east end dei film di Guy Ritchie.

    Quando bevevamo insieme avevo bisogno del traduttore dal Cockney all’inglese….

    Storie allucinanti, allucinanti. Da massacrarsi dal ridere.

    Rispondi

  13. Posted by Anonymous on gennaio 11, 2010 at 18:39

    Questa mi fa sentire una persona peggiore ogni volta che la racconto, ma fa davvero morire:

    “Sapete perchè Stevie Wonder, nelle sue condizioni attuali, non è in grado di leggere?”

    Rispondi

  14. Yossarian – “Dark Side of the Moon played loud, a man whooshing himself around on a rusty hospital wheelchair, a DJ in a tuxedo cycling in circles and two girls taking photos of an old man who’d inadvertently wandered in thinking this was a normal pub.” SPETTACOLO! Ah, dicono “mait” anche in Australia, in più alcuni hanno la tendenza a pronunciare quasi tutte le vocali come una “o”. Esempi: “exciting” (essoitin), “nine” (noin), “right” (roit), etc.

    Anonimo – Dimmi perché, please.

    Rispondi

  15. Primi anni ’80. Un giovane colored va in disco. Stufo della musica troppo loffia va dal DJ e gli fa: “Per piacere mi metteresti qualcosa di Loredana?” – il DJ: “Bertè?” – e il nero: “Bertè, per me, per tutti”.

    Rispondi

  16. Ok, ve la siete cercata. Perché i negri hanno il palmo della mano bianco?

    Rispondi

  17. Posted by alcoholica92 on gennaio 11, 2010 at 21:17

    penso che non riescano a controllare il grande quantitativo di sborra XD… dai sentiamo!… la mia versione è eccessivamente onta!

    ps: vuio savere quea de stevie wonder!

    Rispondi

  18. Posted by Anonymous on gennaio 11, 2010 at 21:19

    @BCLD

    perché è n3gro.

    Rispondi

  19. Posted by Anonymous on gennaio 12, 2010 at 07:37

    Anche i negri bestemmiano (con chiari riferimenti a zone del piemonte :D)

    Due si perdono a Borgosesia, e non trovando nessuno per chiedere informazioni chiedono ad un negro.
    “scusi, borgomanero?”
    “non conoscere borgomanero, solo borgodio e borgamadonna”

    Rispondi

  20. Allora volete la guerra:

    Un negro entra in un bar portando sul palmo della mano uno stronzo di cane gigantesco.

    Tutti lo fissano inorriditi.

    E lui sorridendo:

    “Guardade, guardade gosa sdavo ber bestare…”

    Rispondi

  21. Posted by Anonymous on gennaio 12, 2010 at 13:03

    -Guys, I really think we should stop with the racist jokes.

    -Yeah, you’re right. After all, racism is a crime.
    And crime is for niggers.

    Rispondi

  22. L’ultima barza di Yossarian è la migliore di tutte.

    Rispondi

  23. Magari gia’ la sapete:

    Michael Jackson muore e va in paradiso. Subito vede Elvis Presley e gli va incontro emozionato.

    Elvis: e tu chi saresti?

    Michael: Sono Michael Jackson! Ho sposato tua figlia!

    Elvis: Per fortuna va’, mi avevano detto che si era sposata con un negro.

    Dwight

    Rispondi

  24. Posted by Anonymous on gennaio 13, 2010 at 11:47

    Ciao Arpioni, volevo linkarti un video che dimostra come al mondo esista ancora la Brava Gente:

    Rispondi

  25. Il cioccolato bianco è stato inventato così anche i bambini negri si possono sporcare.

    Rispondi

  26. C’è un Tir che sta attraversando l’America per trasportare palle da bowling in Texas. A un certo punto l’autista vede un negro che chiede l’autostop, e la fa accomodare sul retro, insieme alle palle da bowling. Qualche chilometro più in là, trova un negro a cui si è bucata la bicicletta. Fa accomodare anche lui sul retro. Giunto al confine col Texas, due poliziotti lo fermano.
    – Dove vai?
    – In Texas
    – Cosa trasporti?
    – Palle da bowling
    – Jim, controlla il retro del camion.

    Jim apre il portone, diventa bianco per lo spavento, estrae la pistola e urla all’autista:

    -PORTA QUESTO FOTTUTISSIMO CAMION LONTANO DA QUI, TORNA INDIETRO O SPARO! VATTENEEEE!

    Il camionista spaventatissimo inverte la marcia e scappa.
    L’altro poliziotto chiede:

    – Cosa ti è preso Jim?-
    -L’abbiamo scampata bella. Quel maledetto camion era pieno di uova di negro, due si erano già schiuse, e uno aveva già rubato una bicicletta.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: