Velocissimo

Ma porca troia di una troia ritroia stratroia, ha ragione!

Annunci

4 responses to this post.

  1. Concordo al 200% con l’energumeno tascabile.

    Cordialità

    Attila

    Rispondi

  2. Non capisco.

    A parte che Brunetta ha torto a prescindere, perché è uno dei tanti inutili parassiti che campano coi soldi altrui e quindi ogni suo argomento di politica e/o economia è errato.

    Non capisco, dicevo, in che modo un articolo dello Statuto dei Lavoratori che regola il licenziamento dei dipendenti dovrebbe distinguere tra giovani e anziani.

    Capisco che sia facile per Brunetta dare la colpa ad altri per sviare l’attenzione dal fatto che è per colpa di gente come lui se, eventualmente, l’Italia ha problemi, e non certo di un pugno di operai sopra i 50 anni.

    Non capisco invece come si possa dargli ragione.

    Rispondi

  3. Tommy, premesso che comunque nulla come al solito cambierà, cerco di spiegarti il motivo barbaro ed egoista per cui non posso che essere d’accordo con Brunetta nonostante egli sia, assiomaticamente, un mantenuto di lusso.

    C’è una generazione, non la mia, che ha goduto di ogni genere di vantaggi e che, ai suoi tempi, nemmeno si sognava le nefandezze che io e i miei coetanei stiamo subendo nostro malgrado.

    Non siamo stati noi trentenni-e/o-neo-quarantenni a creare il debito pubblico di questo paese, tuttavia siamo noi a doverci fare un culo come la Cappella Sistina e a subire ogni riforma del sistema previdenziale per cercare senza successo di sanarlo; il tutto perché, come recitano le Sacre Scritture e i Sindacati, “i diritti acquisiti non si toccano”.

    Be’, secondo il mio discutibilissimo punto di vista, quando c’è da mettere mano al portafogli per tappare i buchi, non è giusto che solo io e miei coetanei ce lo prendiamo nel colon forte & duro: paghino tutti, anche quelli che si sono “guadagnati i diritti” prima di noi.

    Lo stesso dicasi per l’articolo 18: io e i miei coetanei lo SUBIAMO – certo! LO SUBIAMO. – perché quelli che ci hanno preceduti sono, appunto, intoccabili mentre noi andiamo avanti a colpi di co.co.merde varie e, in molti casi, non possiamo schiodare le chiappe da casa di mamma e papà né mettere su famiglia.

    Per come la vedo io, ci sono cariatidi forzatamente “insostituibili” proprio grazie all’art. 18 a senso unico. Art. 18 che garantisce SOLO ED ESCLUSIVAMENTE il loro culo ricoperto di secca peluria bianca a scapito del ricambio generazionale.

    Applica la regola su una scala più vasta e ti ritrovi presidenti del consiglio settantenni e capi dello stato ottantenni che non hanno la più pallida idea di quello che capita là fuori.

    Le riforme… è dall’inizio degli anni ’90 che sento parlare di riforme ma le uniche che sono entrate in vigore sono quelle pensionistiche e del mercato del lavoro che, guarda un po’, non hanno nemmeno sfiorato quelli che avevano già le chiappe al calduccio.

    Paghino anche loro, cazzo.

    Rispondi

  4. Sono curioso di capire dove vuole andare a parare Brunetta.
    Ok, anch’io le trovo condivisibili, ma le prendo per quello che sono, cioè sparate. Ma a che pro le fa?

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: