La libertà d’espressione è in pericolo!

Pare che la libertà di stampa, la democrazia, il welfare, il medico della mutua, il canile municipale di Azzano Decimo (PN) e le importanti tradizioni di questo paese come i vecchi che guardano i lavori dei cantieri siano minacciati dalla chiusura temporanea dei rotocalchi politici decisa dalla Commissione di Vigilanza in occasione delle elezioni amministrative.

Michele Santoro, da parte sua, ha dichiarato che lui si batterà strenuamente affinché ciò non avvenga. In pratica è ora di rimettere in piedi la Resistenza, fare barricate, lotta dura senza verdura e tutto quanto.

Il giornalista ha inoltre dichiarato, battendosi sul petto, che, se davvero dovessero forzatamente impedire ad “Annozero” di andare in onda, lui comunque ci sarà per mostrare agli italiani qual è il futuro del paese una volta che Abberlusconi non riuscirà più a tenere nascosta la sua identità segreta di frullato di Saddam Hussein, Hugo Chavez, Željko Ražnatović, Illuminato, Grigio, Rettiliano e Lucifero.

Insomma: mi pare di capire che non ci sia mica un cazzo da scherzare e l’Italia si trovi davvero sull’orlo della metamorfosi in dittatura sanguinaria & assoluta.

Per quanto mi riguarda, un po’ paura, cellò.

Annunci

19 responses to this post.

  1. Maledetti bastatrdi!
    Loro e le loro maledette scie chimiche!!!
    Ma noi sappiamo tutto, non ci possono ingannare! HAHHAHAHAHAHAA!!!!

    Dio Goldrake

    Rispondi

  2. Senti qua, roba importante davvero: 19:30 qua da me per bicchierata obbligatoria pre-cena massacrafegato.

    Rispondi

  3. Comunque è incredibile come questa gente sia riuscita a rendere uno come me, che segue la politica da quando ha 13 anni, che leggeva Chomsky quando i compagni di classe trombavano e Stirner quando si ubriacavano, totalmente indifferente a qualsiasi cosa dicano o facciano o pensino o dichiarino, soprattutto quando si parla di politica.

    Ormai reagisco anche io dicendo “m’importa ‘na sega”. Non riesco a formulare altro pensiero che non sia questo, soprattutto quando parlano Santoro o la Guzzanti o quelli di Micromedia.

    Rispondi

  4. Io faccio il bravo dio bubu’.
    Quindi evito di esagerare che la patente mi serve…

    Rispondi

  5. Il punto è: chi si credono di essere? Sembra che, senza questa gente che sbrodola la propria dose settimanale di stronzate in TV e sulle riviste snob piene di parole ricercate trovate nel dizionario dei sinomini e contrari, il mondo sia destinato a terminare da un giorno all’altro.

    Convocano una conferenza stampa ogni volta che qualcosa non va come loro hanno messo in conto e cominciano a rompere i coglioni urbis et orbis predicendo il collasso del sistema democratico.

    Ci vorrebbe Nico Giraldi che, improvvisamente, si alza in piedi, interrompe la predica e fa: “Aho, zitti ‘npo’ chémmavete cagato ‘r cazzo… maccheccazzo state a di’? Ma li mejo de li mortacci vostri! M’anvedi questi, aho? M’annate ‘npo’ a pijarvela in saccoccia, ‘a stronzi… NUN ME DOVETE CAGA’ ‘R CAZZO!”

    Tre ore e ventisette minuti di standing ovation.

    Rispondi

  6. Più che altro non puoi fare dieci anni di televisione e giornali in cui dici che non ti lasciano andare in tv e sui giornali.

    No sul serio, perché qui sono ormai dieci anni che stanno in televisione dicendo che non sono in televisione.

    Siamo al surrealismo.

    Rispondi

  7. > Più che altro non puoi fare dieci anni di televisione e giornali in cui dici che non ti lasciano andare in tv e sui giornali.

    Già.
    Senza contare che la sostituzione dei vari tolcsciò con tribune politiche (o programmi di cucina se è per questo, o qualsiasi altra cosa) non rappresenta certo una perdita di informazione. Al massimo un aumento della noia – non per me comunque.

    Rispondi

  8. Perche’, vedere quattro politicanti che alzano la voce tutti assieme e non fanno altro che offendersi a vicenda e’ prova di democrazia?

    Vedere gli infiniti nei di Bruno Vespa e/o il sorrisetto brizzolato di MIchele Santoro serve a qualcosa?

    Tristezze infinite di spettacoli dove i parlamentari sbraitano come mio nonno (RIP) quando giocava a bestia. Con i conduttori che gia’ sanno dove vogliono andare a parare, e stuzzicano la volgarita’ degli ospiti con insinuazioni dozzinali. E per finire, l’appoggio degli Intellettuali Colti italiani, che sanno solo propinare stanchi trucchi retorici ad effetto per far colpo sul liceale di turno che poi s’iscrive a scienze politiche e inizia ad indossare pantaloni di velluto a coste…

    …magari censurassero tutto questo, per sempre.

    Rispondi

  9. Sono vivo…Nurofen vince!

    Rispondi

  10. @ Lamb-O – Se, al posto di “Annozero”, per un mese trasmettessero una retrospettiva sulla carriera di Lino Banfi a cavallo tra la fine dei ’70 e l’inizio degli ’80, a occhio e croce non credo che le piazze si riempirebbero di grillini e travagliari che protestano perché “Vieni Avanti, Cretino” gli fa cagare.

    @ Dwight – A me fanno scassare i giornalisti che, quando in Parlamento cominciano a volare cartoni e scarpate tra opposti schieramenti, parlano di indecenza e spettacolo indegno. “Indecenza”??? Perché non li lasciano fare e chiamano Jerry Springer a sedersi al posto di Gianfranco Fini? Poi vendono il dvd delle sedute in edicola e risanano il deficit del paese in scioltezza.

    @ Ares – Una birra, dico “UNA”… ed eri sotto il tavolo. VERGOGNA!

    Rispondi

  11. Finche’ eravamo a tavola i percussionisti che avevo in testa riuscivo a gestirli…e’ stato quando mi sono seduto all’altro bar che ho capito che alzare bandiera bianca era l’unica soluzione.
    Lunga vita al Nurofen.

    Rispondi

  12. ma dio brufolo, insomma, non vi pare che latitino bestemmie? eh? dai, su, non voglio fare il censore, pero’, insomma, dio scostumato! ecco…

    Rispondi

  13. Hai ragione, dio formica!

    Rispondi

  14. Ad Azzano Decimo (PN) non abbiamo il canile municipale, però c’è quello di Chions (PN) attaccato

    Rispondi

  15. Ad Azzano Decimo (PN) non abbiamo il canile municipale

    Ecco! Vedi? Vedi? Che aveva ragione Santoro? Hanno chiuso la Vigilanza o quel che è e ad Azzano Decimo non c’è il canile!!!!!!!!

    Rispondi

  16. Posted by Anubi, il dio cane on febbraio 14, 2010 at 21:23

    Non so se sia vero, ma io ho sentito dire che “le vie del canile sono infinite”.

    Rispondi

  17. Guarda che Travaglio ha già scritto un fantastiglione di libri sulla cronica mancanza di canile ad Azzano X (PN) – che io scrivo con la x perchè fa più ggggggiovane e coooooooool – causata da Abbbberlusconi!

    Cordialità

    Attila

    Rispondi

  18. cmq, volevo intervenire in questa dotta disputa dicendo questo: basta prendersela con santoro! e’ come prendersela con pantalone, balanzone, arlecchino o pulcinella! io, per esempio, a carnevale mi vesto da santoro. e cioe’ da giornalista miliardario che fa il perseguitato. un po’ come pantalone, il ricco avaro; balanzone, il medico cialtrone eccetera. ecco. questo volevo dire. e l’ho detto.

    Rispondi

  19. Ma santoro non l’avevano stragabacassato dalla tivvù? Ché era l’unica cosa supermega che aveva secondo me strafatto quel megasuper stracazzuto sberluscone?
    E chi è ‘sto cazzo di mostro verde coi tentacoli che c’è su tutti i blogsbvs che dice sempre glimportasega come se fosse litagliano corretto dei mostri, porco dio, voi smerdallari, smettetela di usare i mostri nelle copertine dei ciddì.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: