Life-changing moments

C’era una volta un dittatore libico di nome Gheddafi che aveva deciso di fare un viaggio in Italia come l’anno prima per incontrare un pacco di figa e dirgli che era il caso di cambiare religione perché, in tal modo, avrebbero visto la luce e tutto il resto.

Quando una delle fighe – una sveglia – chiese al dittatore libico se, una volta morta, per lei, ad attenderla in paradiso, ci sarebbe stato uno stormo – del tipo “a perdita d’occhio” – formato da innumerevoli cazzi vergini che facevano la fila per penetrarla; talmente tanti peni che, terminato il lavoro di raschiamento, l’avrebbero fatta sembrare un porcospino sodomita, Gheddafi si guardò le caviglie e fece finta che l’interprete (appositamente assunto con contratto Co-Co-Pro) fosse un cazzone incapace di tradurre il quesito della fanciulla.

Pertanto la risposta, citando Bob Dylan, rimase sospesa nel vento.

Un’altra figa lì vicino diede di gomito alla vicina: “Hey, mi sa che questa religione da testa di asciugamano a cui dovremmo convertirci è unbidone colossale. Gli uomini si beccano vergini a strafottere e noi invece?”

E l’amica: “Tu sei la vergine, cogliona! Fai finta di niente, io sono venuta solo per mangiare caviale e bere champagne. Magari lo stronzo mi fa conoscere uno dei suoi figli e il bastardo desertico mi regala una Lambo se gli faccio uno sboccaponcio come Allah comanda.”

Ma l’altra: “Non sono più vergine da quando ho sedici anni. Lo stronzo di Tripoli sta cercando di piantarcelo in culo in punta di fioretto.”

Nel frattempo, fuori, si era radunato un capannello di gente che protestava perché Gheddafi era un dittatore con le mani coperte di sangue che ammazzava gli immigrati subsahariani che volevano scappare in Italia solo perché Berlusconi gli aveva promesso un’autostrada.

In poche parole: era tutta un’indignazione generale.

Fighe che rifiutavano di convertirsi perché non c’erano cazzi vergini per loro in paradiso.

Altre fighe che facevano finta che non valesse davvero la pena prendersela così tanto perché, alla fine della giornata, un cazzo era sempre un cazzo.

Il popolo del PD che protestava perché Berlusconi incontrava il dittatore libico.

Insomma alla fine…

Annunci

13 responses to this post.

  1. in questo caso si può dire che il cumenda cheddafi cerca di buttarglielo nel cthulhu alle vergini(?)
    ma due parole sulle amazzoni non vogliamo spenderle..
    no, perchè alcune sembrano proprio tirate via da un porno, del tipo “sono mandingo ed al buio lo spingo”

    Rispondi

  2. Sottoscrivo Arpioni.

    Fra l’altro secondo me il beduino si diverte un sacco a vedere sbroccare tutti.

    Voglio dire: conoscendomi, se fossi un dittatore beduino pieno di soldi che si annoia, farei lo stesso.

    Arrivo in un posto, faccio lo “sceicco beige” con harem e amazzoni, e come bonus rilascio dichiarazioni deliranti che fanno andare in aceto quel posto e Facebook.

    Impagabile.

    Rispondi

  3. @ Left & Yoss – A me Gheddafi non la racconta giusta nemmeno un po’. Quello ha la faccia di uno che la sa lunga un sacco, sono pronto a scommettere due paia di venti euri che, nel giro di 10 anni (se ci arriva), avrà la stessa faccia di Tinto Brass.

    Rispondi

  4. niente..passavo di qui..non è che l’ho letto il post..nunciovoglia..

    Rispondi

  5. Ehilà, bentornata su queste pagine. Pensa che, proprio oggi, ho guardato la tua recensione dell’e-book reader. Sei la prima geek femmina che conosco, siine fiera :-).

    Rispondi

  6. Secondo me le amazzoni di Gheddafi sono le stesse da cui andava Marrazzo…

    Rispondi

  7. oh grazie,una geek femmina,lo prendo come un complimento,comunque poi domani lo leggo,il post 🙂

    Rispondi

  8. Oggi ha detto che anche Gesù si sarebbe convertito all’Islam. Ridere? Dio can… no scusate…

    Rispondi

  9. E tutti che parlano di 70 euri di qui e i 70 euri di là e che che per 70 euri diventano ammmussulmane… e il tizio se ne va in giro con le foto dei tizi sulla giacca e le spalline decorate che nemmeno Axl Rose nei video di Use Your Illusion era così pacchiano.

    Ahahahahahahah

    Cordialità

    Attila

    Rispondi

  10. “e il tizio se ne va in giro con le foto dei tizi sulla giacca e le spalline decorate che nemmeno Axl Rose nei video di Use Your Illusion era così pacchiano.”

    HAHHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHAHAAA!!!!!!!!!

    Rispondi

  11. Riassumendo: Yoss,Uriel,Nicoló I.I.,Leftheleft e tu stesso sostenete praticamente la stessa tesi sul tamarro libico.
    Questo é confortante, evidentemente una maggioranza di italiani pensanti esiste ancora.
    Se poi, veramente, l’Italia riuscisse a diventare il ponte privilegiato, geograficamente lo é, per lo sviluppo africano e la importazione di petrolio e gas libico…sarebbe un gran bel colpo.
    Andando in culo a tutto il club degli Angli. Come spera Uriel ed anche io, devo dire.

    Rispondi

  12. Posted by Anonymous on settembre 1, 2010 at 20:12

    70 euri ed un libro king size per due ore di concione.
    Io gli avrei anche stirato la giacca.

    rdv

    Rispondi

  13. Posted by Dio lattina on settembre 3, 2010 at 07:44

    Cago ovunque.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: