Silvia Avallone, Bruno Vespa, Belle Tette & Michela Murgia

Prima di tutto, bisogna fare click qui.

Quindi guardare questo video:

http://www.youtube.com/v/-HYUVXOlh3w?fs=1&hl=it_IT&rel=0&color1=0xcc2550&color2=0xe87a9f&border=1

Infine, se si vuole, leggere la seguente lettera aperta – opera di quella merda (in senso buono) di Bixx; lettera che, a onor del vero, ho dovuto ritoccare e rendere un po’ più “morbida” in quanto, nella versione originale, era molto-molto-molto più cavapelle. Quindi a lei vanno tutti i più che meritati complimenti. Ci vuole una donna vera per spaccare il culo (grosso) di una femminista repressa – che, alla luce del casino che è scoppiato su friendfeed a causa del post precedente, sta come il cacio sui… no, come Rocco Siffredi che ficca la testa di Sandy Balestra nel cesso, tira lo sciacquone e, romanticamente, sussurra “Mi hai fatto eccitare, troia!” mentre le bukkaka gli zigomi.

Michela Murgia, non hai i numeri per dire quello che hai detto.
La Avallone indossava un vestito che richiede tette sode e qualche accorgimento adesivo affinché un capezzolo gagliardo non scivoli fuori dal triangolino di chiffon. Un vestito che era pure molto elegante, e le cui variazioni si sono viste spessissimo sulle recenti passerelle sia della moda che degli eventi VIP (ultima la Capotondi a Venezia). 
La Avallone ha vinto il premio esordienti e tu, Murgia, il Campiello vero e proprio. A quanto pare non hai nulla da invidiare all’intelletto o alla bravura della Avallone. Purtroppo però quello che ti distingue, sciaguratamente, da quest’ultima, è che tu non sei propriamente un “fiore”. Sei tozza, sovrappeso, e non esattamente gradevole di viso.
Come è noto, la bellezza non si guadagna: o ce l’hai, o sei Michela Murgia. E ti metti a scrivere i libri. Perché il corpo delle donne è strumentalizzato ma invece tu sei intelligente e vali per quello che sei davvero, non per superficiali attributi fisici. E allora, si diceva, scrivi i libri che ricevono tanti bei premi. Come devi esserti sentita quando hai visto la Avallone che, oltre ad aver scritto il suo primo libro ed essere pure premiata, se ne arriva ed è anche una bella ragazza? Una gran bella ragazza con un fisico che le consente di mettersi un vestito elegante e sexy senza sembrare una burrata in confezione regalo.
E scrive bene.
E ha le tette che stanno su da sole.
E Bruno Vespa glielo dice, perché è vero. Bruno Vespa era contento perché la bellezza di una donna rende felici. Puoi leggere il libro della Avallone, sentirti bene perché è un bel libro, e poi guardare la foto sul retro e sentirti ancora meglio. (No, con te questo non succede. Alla finezza delle tue parole non segue alcun completamento visuale). 
La bellezza non ha merito. Ed è proprio per questo che da tempo immemore la bellezza è stata descritta, rappresentata, lodata, canonizzata. Canonizzata.
La tua uscita “se faceva quel complimento a me gli rispondevo per le rime” ti candida anche al premio Zelig. Chi mai, chi mai farebbe un complimento del genere a te? Nessuno. E lo sai bene. Per questo, è un’ottima battuta di spirito. Ti fossi fermata lì, avrei applaudito la tua autoironia.
Il resto del tuo commento all’uscita di Vespa è, ahimé, deprimente. Non c’è niente di male nel lottare perché finiscano i soprusi e le discriminazioni. Ma la gente come te fa male alla causa. Le femministe brutte dovrebbero occuparsi di tutto tranne che di bellezza: non sanno cosa sia, non ce l’hanno, come possono discuterne? È come se una donna senza figli si mettesse a difendere i diritti delle madri. Anzi no: perché una donna senza figli può sempre diventare madre ma tu, bella, mai.
È ora di finirla coi cessi che parlano di pari opportunità. Che se poi al Ministero ci va Mara Carfagna, non va bene perché è figa e probabilmente in passato l’ha data un po’ in giro? Magari voi! Dai, dai che si sa bene com’è la storia. Che l’invidia delle femmine non ha eguali. La verità è che la Avallone ha ricevuto un complimento e l’ha preso come tale, con leggerezza, perché probabilmente non è né il primo né l’ultimo. Ma a tutte le troll che hanno un certo aspetto, Murgia, un complimento così suona distante e impossibile come le decine di scopate di cui hanno mai potuto godere per via di come sono ridotte (e che, credimi, le avrebbero molto aiutate nello sviluppo di donna intelligente, perché la Nerchia fa solo che bene). Per cui non resta loro che fare come la volpe con l’uva.
Il femminismo, la parità, l’equità arriveranno solo quando sarà possible fare un complimento osé a un membro del sesso che ci attrae (sia esso opposto o meno) e ricevere in cambio o una trombata, o una risposta ironica.  

Che tu ti senta offesa a nome delle donne (di alcune, immagino, quelle che dovrebbero essere offese da se stesse quando le vetrine son troppo lucide) testimonia soltanto il tuo persistente – giustificato, ma strategicamente disastroso –  senso di inferiorità.

Annunci

34 responses to this post.

  1. Di nuovo, 92 minuti di applausi!

    Rispondi

  2. Hahahahaha, mettiti in contatto con chi sappiamo e fatti dire :-).

    Rispondi

  3. Ma, cazzo, certe persone il senso del ridicolo lo hanno investito in bond argentini…

    Cordialità

    Attila

    Rispondi

  4. Questa e’ classe!

    Rispondi

  5. Madonna, sono in estasi…
    Eccelso!

    “Sì minchia hai ragione”
    “mi sarai vagamente rotta la minchia”
    “mi sarei un po’ rotta la minchia”

    sempre con ‘sta minchia in bocca, eh! (mai la mia poi!)

    A Vespa ci tirava ed a ragione, più che ad un traino di buoi.

    P.S. sono un ignorante ma ‘sto cazzo di friendfeed come funziona, come ci si accede?

    Rispondi

  6. Friendfeed è un po’ come la blogosfera: ti metti in contatto con quelli che vanno d’accordo con te e/o la pensano esattamente come te e fai gossip, scambiando pompini e tutto il resto. Non appena t’imbatti in qualcosa che non condividi, lo segnali e ne parli con gli altri, condividendo con essi il tuo punto di vista. Esattamente come succede in questo spazio commenti, né più né meno.

    Con la differenza che “noi” siamo meno intelligenti e caghiamo sulle poltrone.

    Rispondi

  7. Daltronde c’è chi friendfidda e c’è chi sturmdranga.

    Rispondi

  8. La Avallone è rock e la Murgia è lenta, anzi ferma. Nel post “Avercelo Piccolo” si fa riferimento ad un precedente post che tanto ha fatto incazzare l’autrice….sarebbe? Ci stiamo perdendo qualche ulteriore perla?

    Rispondi

  9. Posted by Randy Savage on settembre 9, 2010 at 12:08

    Grande post. Ma sai che pensavo più o meno le stesse cose ieri sera mentre guardavo MTV? Ho beccato questo nuovo telefilm in cui c’è un ragazzo sfigato con gli occhiali che però ha una minchia enorme. E lui è in mezzo ad un triangolo amoroso. Cioè c’è una tipa bassa e grassoccia che vorrebbe farsi dare in ogni buco, ma lui non glielo da perché lei è un po’ un cesso. E poi c’è la solita strafica che è il sogno erotico di tutti ma che sta con il ragazzo più popolare della scuola. Bene, il succo è che anche se anche lui è uno sfigato, al cesso non gliene da neanche un centimetro. Mentre alla fine, la tipa strafica, una volta scoperto cos’ha lo sfigato tra le gambe diventa molto più amichevole (anche se al momento non molla il suo tipo perché è popolare e ha un mucchio di soldi).
    La morale è ovvia: un uomo, anche se è un cesso, si può fare le tipe bone, mentre una donna che è un rospo può solo vivere di elemosina.

    Rispondi

  10. ahhh..
    be’ ma scrive assieme alla Ravera sul Fatto Quotidiano.

    Ahhh, be’ allora si spiegano molte cose.

    La miniera di sale ci vuole.

    Rispondi

  11. “Con la differenza che “noi” siamo meno intelligenti e caghiamo sulle poltrone.”

    Anche perchè consumiamo molti cosi della Danone che ti aiutano a cagare, in quanto talmente beoti che, seppur si sia inspiegabilmente ridotta le tette, abbiamo un riflesso condizionato ogni volta che la Marcuzzi fa quella pubblicità

    Rinnovo le cordialità

    Attila

    Rispondi

  12. @ Benlow – “Femmine”, appena sotto questo post.

    @ Randy – Funziona così, è la natura. Mettiamocelo in tasca e portiamocelo a casa.

    Rispondi

  13. son riuscito a beccare la discussione su ff.

    Hai lanciato un bel sasso.
    oh sì.

    Rispondi

  14. @ Attila

    la Marcuzzi, però cerco sì di andare contro la natura divina del dono zinnatico a lei dato, ma l’immenso amore divino gliele fece ricrescere.

    Per il bene del mondo.

    Rispondi

  15. ah…quindi eri tu quello che ce l’aveva piccolo! Ma pensa te….

    Rispondi

  16. Ragazzi: Castro nel 2010 dice che il comunismo non funziona e ste sciroccate su Friendfeed stanno ancora a parlare di “gestione dell’utero” (vedi Banalea…errr Galatea) come nel 68.

    Mi fanno quasi pena.

    Rispondi

  17. Chiccazzo è Galatea?

    Rispondi

  18. @ yoss

    cioè niente più puttane cubane?

    Rispondi

  19. Posted by Anubi, il dio cane on settembre 10, 2010 at 11:23

    Se non ti fanno schifo BCLD, ti prego di accettare i miei umili complimenti per questo e il precedente post.
    Spero di non contribuire allo scenario deprimente e triste (DIO SQUALO ahahaha): non cago nelle poltrone ma sono sicuramente meno intelligente delle “succhiacazzo” [cit.] che scrivono in ff e blog vari.

    Non te l’ho mai detto, ma io ti leggo esclusivamente per via del tuo “spettacolare decollétè” 🙂

    Firmato:
    ing. Anubi, il dio cane.

    Rispondi

  20. In realtà non posso ancora dire una cosa che è la più divertente di tutte :-).

    Rispondi

  21. Galatea e’ una talmente intelligente, ma talmente intelligente, che ci tiene a precisare:

    “come donna ho un utero.Come persona, indipendentemente dal sesso, ho diritto di costruire la mia vita come voglio. Come cittadino (messo volutamente al maschile) ho il diritto di essere trattato alla pari a tutti gli altri”

    giusto per inquadrare il personaggio. io non dico altro. a me vedere scritto ‘utero’ cosi’ , senza avvertenze, mi da’ il voltastomaco.

    dwight

    Rispondi

  22. L’avesse utilizzato un po’ di più, quell’utero…

    Rispondi

  23. L’avesse utilizzato un po’ di più, quell’utero…

    No, per carità che poi si riproduce…

    Rispondi

  24. Posted by Anonymous on settembre 11, 2010 at 07:55

    Ha ragione Yossarian: Sei la colonna portante dello Sturmo e Drango.
    Pensa che un certo Anelli di Fum0, commentando l’uscita del Vespa, e’ riuscito a dire che l’Italia sta precipitando ai livelli dell’Iran di Ahmadinejad.

    la Sinistra di oggi e’ peggio della DC di Scalfaro che schiaffeggiava le donne scollate al ristorante….

    Rispondi

  25. Onore al merito. Bixx sindachessa.

    Rispondi

  26. Posted by Anonymous on settembre 11, 2010 at 11:01

    complimenti per l’ennesimo post capolavoro e complimenti all’amica Annarella che scrive post per poi cancellarli (meno male che sei riuscito a ricavarne un immagine). Chissà perchè cancellare un post di tale levatura?

    Rispondi

  27. Perché si è resa conto di aver infilato il piede nel secchio senza tener conto della copia cache di google. Sveglia, Annarella.

    Rispondi

  28. Posted by Anonymous on settembre 11, 2010 at 22:09

    Scusate il domandone. Ho provato di tutto, ma non riesco a trovare si friendfeed i commenti che hai indicato. Mi sono pure iscritto a FF ma a parte un thread di grimilde (che non mi sembra quello incriminato) non trovo altro… mi potete aiutare?
    Grazie!
    Marcello

    Rispondi

  29. Questa volta arrivo in “tempo utile” ma non ho nessuna voglia di riscrivere o copia/incollare tutte le cazzate (?) che ho commentato al post precedente; quindi, chi proprio smaniasse dalla voglia di sapere come la penso…vada a leggersi quel commento. Oppure no, fate voi.
    Mi limito a due parole a proposito dell’inciso di Galatea riportato da dwight.
    Credo che la signora in questione abbia tutto il diritto di scrivere e fare quanto descritto;
    salvo il ricordare che “come cittadino” non ha poi nessun diritto di lamentarsi e rompere il cazzo quando la trattano da “conoscente” e non da “signora”

    Rispondi

  30. P.S.
    Sempre il rompicazzo di augusto
    é evidente che il commento della Murgia é motivato da pura invidia di megaciospo, proprio una di quelle che hanno causato sbroc sbroc.

    Rispondi

  31. Posted by Frenologia a Mano on settembre 12, 2010 at 08:29

    Sono una donna senza figa-power eppure più che per queste frustrate ormai perse in sé stesse (a meno che non capiscano che chi fa loro del bene è chi dice la verità nuda e cruda), mi dispiaccio anzichenò davanti al triste spettacolo di chi quel potere l’ha avuto e va dietro a certe stronzate, e si mortifica.
    Ma lascia stare!
    Il post della Murgia personalmente mi pare un anacoluto.
    Cosa avrà voluto dire?

    Rispondi

  32. quindi i complimentissimi bisogna girarli a Bixx.

    Rispondi

  33. ma ziobonissimo la murgia è un cesso orripilante e dice anche banalità. Non occorre essere cessi per dire le sue minchiate ma aiuta sicuramente. Fosse impegnata a prender cazzi non avrebbe tempo per rompere le palle alle bone ed a noi e financo il cerebro suo femìneo ne avrebbe vantaggio (ormoni calmati che non turbano altri circuiti sinaptici). Ma così non è. Dunque: cessa, banale e rompipalle. Un marito islamico-osservante che la trombi per dovere 2 volte al dì, la bastoni onde ricordarle che polvere siamo, e la occluda alla vista a mezzo burqha. Ne consegue: viva l’avallone! Avalloniamoci tutti ! 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: